5/2/2008

Ciao  a tutti… io purtroppo non ho giocato perchè dovevo fare il Jack di Cuori in una scala reale!!! Vi metto comunque le valutazioni(troppo alte) della partita. Un saluto particolare a quello scarsone di francesco lerario che è ritornato!!!!

Una curiosità: ma chi ha vinto??? 

 

 

 

SQUADRA 1:

 

Fabio Lenders : voto 5,5. Buone potenzialità ed abbastanza buona precisione nei lanci, a volte però troppo potenti per esser stoppati dai compagni, a meno che non si travestino da Roberto Carlos, con tanto di polpaccioni. E’ roccioso in difesa e fa delle buone scorribande in avanti ma questa volta sorprende tutti, soprattutto i “suoi”, passando la palla la maggior parte delle volte, quando ormai tutti si aspettano la sua “screcca” dalla distanza. Segna molto poco e per uno come lui questo inficia tutta la prestazione. POLVERI BAGNATE??

Enrico: voto 6,5. Come al solito prezioso nel lavoro “sporco” ma questa volta non si fa apprezzare anche in fase di rifinitura, intravedendo spesso spiragli laddove in realtà non ci sono. Mezzo voto in più per il gran goal dalla distanza, con un perfetto collo pieno sfodera un destro di rara potenza e precisione… il portiere vede il pallone solo una volta che deve raccoglierlo da terra… Belli i doppi passi inebrianti. Poi s’invaghisce di se stesso ed incomincia a provare cose impossibili. CROCE E DELIZIA DI SE STESSO

Ciccio: voto 7. Quando ha la palla tra i piedi non ce n’è per nessuno. Niente da fare, non gliela togli… ed ogni volta che incoscientemente ti ci avvicini sai già che di lì a poco scomparirà per riapparirti alle spalle. Segna anche abbastanza e nell’impostazione è impeccabile. Sembra comunque che non voglia osare più di tanto, per fortuna degli avversari… UN PICCOLO ZLATAN

Giuseppe: voto 6. Tocco di palla delizioso e giochini niente male, soprattutto quando fa fare carambola tra i suoi piedi inebetendo l’avversario. La sua costante ricerca del numero, però, va a totale discapito di un barlume di concretezza che i compagni avrebbero apprezzato parecchio. Bello il suo goal quando si gira e colpisce di collo con il difensore alle spalle. FUMOSO E POCO ARROSTOSO

Donato: voto 6. Senza infamia e senza lode. Buoni gli stop e buono anche il movimento costante che fa. Un po’ meno buoni sono i passaggi e le conclusioni, con cui non riesce quasi mai a centrare la porta. UTILE. NON INDISPENSABILE

Francesco Lerario: voto 5. Era da tempo che non calcava i campi, anzi i campetti, ed è quindi un po’ più timido del suo solito. Si fa saltare facilmente e non partecipa quasi mai alla manovra offensiva della squadra. E’però anche vero che è  stato visto più volte libero senza che nessuno gli passasse la palla… Riesce comunque ad imbeccare parecchi buoni passaggi rasoterra anche di prima. DAI FRANCE’ !!!

 

SQUADRA 2:

 

Orazio: voto 6,5. Si piazza al centro della difesa e da lui partono tutte le azioni della squadra. Difficilissimo da saltare per la buona scelta di tempo degli interventi. Molto buono anche il controllo di palla, ma peccato per le volte che eccede nei dribbling, soprattutto in difesa, soprattutto da ULTIMO UOMO!!! Bellissimo il tiro all’incrocio che sfodera da quasi centrocampo. SICURO, FORSE TROPPO…

Onofrio: voto 8 Decisamente il migliore in campo. Poco da dire, ha corsa (costante) e si vede che è in confidenza stretta col pallone. Riesce a prendere palle che sembrano impossibili ed a renderle fruttuose. Fa anche parecchi assist e goals, tra cui un paio alla Lavezzi, a cui sembra somigliare. Forse un po’ troppo generoso e poco tattico nel marcare gli avversari in fase di impostazione. Ma, come ho scritto prima, c’è poco da dire. SPEEDY GONZALEZ

Domenico: voto 7. La sua prestazione la si può dividere in due fasi. Nella prima infatti sembra che gli riesca tutto: è il primo a segnare con un preciso rasoterra, smarca facilmente i compagni, si trova a meraviglia con Onofrio (che gli rende la vita assai facile, correndo per lui) e corricchia anche un po’ più del solito (non troppo eh!). Nella seconda il fiato incomincia a chiedere pietà e gioca con un polmone solo, interstardendosi in dribblings troppo spinti e che riescono quasi mai, passandola meno e tirando di più. Resta comunque il miglior marcatore della squadra. ‘NAGGIA ALLE SIGARETTE!!!

Martino Pinto: voto 7. Solita corsa costante e solita attenzione tattica. Sai che se sta su una fascia, puoi passargliela sia davanti che dietro con tranquillità e lo trovi sempre. Questa volta rimane più spesso in difesa ma fa comunque il suo, con diagonali precise manco fosse stato allenato dal Trap. Rispetto al “bestemmiatore incomprensibile” degli inizi sembra un altro giocatore… Si togliesse quella maglia però!! UN PICCOLO FACCHETTI

Antonio: voto 6,5. E’ tornato da poco a giocare ma sicuramente con un piglio diverso. Fa il suo lavorino in difesa, cercando di essere il più arcigno possibile contro gli avversari e infastidendone spesso movimenti e passaggi. Ad un certo punto della partita, poi, si toglie la felpa e compare per magia un nuovo Zambrotta con tanto di ventrozza annessa. Inizia a sganciarsi davanti e pur con evidenti limiti tecnici non molla e segna prima un goal di testa (???) e poi addirittura con un destro di controbalzo potente e preciso. Si sta ancora domandando come avrà fatto!!  GIORNATA DI GRAZIA…E GIUSTIZIA

Salvatore: voto 6,5. Si sacrifica per quasi tutta la partita e gioca a sinistra fra i tre difensori pur essendo destro naturale. Non per questo però è meno utile del solito, sia coprendo bene la parte arretrata della sua fascia, sia proponendosi con costanza in avanti. Tenta alcune volte tiri improbabili, ma questo dipende anche dal fatto suddetto e poi, messo a confronto con uno che tirava anche dallo spogliatoio…è “grasso che cola” (come dice Giuliano Ferrara quando suda…). EFFICACE E DURATURO

 

5/2/2008ultima modifica: 2008-02-07T19:01:33+01:00da scarsoni
Reposta per primo quest’articolo