11/2/2008

SQUADRA 1 – SQUADRA 2 : 13 – 7 (se non sbaglio…)

SQUADRA 1:

– Salvatore: voto 7. Sul campo della Cofit sembra giocare in casa e dimostra sin da subito di trovarsi a suo agio. Sempre puntuale in difesa (fossimo tutti così per l’arrivo al campo…) e pronto a rigettarsi con tempismo perfetto nella metà campo avversaria. Fa due o tre goals di pregevole fattura (barbogioni urticanti da angoli difficili) e si mostra comunque umile e pronto a mettersi al servizio della squadra. MOTIVATO
– Edoardo: voto 6. Non giocava da mesi a calcetto ed infatti mancano un po’ di cose del suo repertorio, come i passaggi filtranti e precisi. Sbaglia un po’ di appoggi ma fa il suo lavoretto in difesa e qualche volta si propone anche in avanti. SENZA INFAMIA E SENZA LODE
– Enzo: voto 8,5. Autentico mattatore della serata, decisamente il migliore in campo. Ha fatto la differenza per tutta, e dico tutta, la partita con i soliti dribblings circensi e protezione ottima del pallone. Difensori inerti al suo passare. Mezzo voto in meno perché non segna quanto avrebbe potuto e dovuto ma gli assists che ha fornito sono stati cioccolatini su un piatto d’oro per il fortunato che gli giocava vicino. Non ha lesinato contrasti, alcune volte entrando forse in maniera troppo dura. IRREFRENABILE, IRREPRENSIBILE, IRRE.
– Domenico: voto 7,5. Per giudicare la sua prestazione basterebbe solo dire che è lui il “vicino” di Enzo. Riesce a fare goals da ogni posizione, liberato con maestria appunto dal compagno d’attacco. Qualche passaggio sbagliato di troppo e soliti dribblings insistiti che non portano a nulla, ma sforna un goal al volo sotto l’incrocio (dopo scambio con indovinate voi chi…) ed una punizione esemplare a giro e tesa con tre uomini in barriera che ancora si chiedono come abbia fatto… (forse se lo chiede anche lui…) CECCHINO
– Antonio: voto 6. Si districa in difesa come può con la solita tenacia e abnegazione. Cerca sempre di infastidire gli avversari e la sua diligenza tattica è apprezzabile. Peccato per la ripetitività nella fase di impostazione che lo rende assai prevedibile dagli avversari… e peccato anche per i parecchi passaggi sbagliati. In porta si fa valere con delle buone parate. L’IMPEGNO C’E’ SEMPRE
– Marco: voto 7. Se Cafu fosse mancino e se il campo su cui si è giocato non fosse stato lungo ¼ di quello da calcio, un paragone col suddetto “pendolino” non sarebbe poi così azzardato. Corre corre corre e corre (poteva anche prestare un polmone a Domenico però eh…) sempre e se lo vedi in attacco a smarcarsi, dopo pochi secondi è già in difesa a recuperare ed a fare la cosa più utile per la squadra. Peccato per un po’ di stop “a inseguire” ma tenerlo in squadra è piacevole. OSSIGENANTE E OSSIGENOSO

SQUADRA 2:

– Enrico: voto 6. Anche in giornate no come questa e con squadre evidentemente non del tutto equilibrate, non molla mai e cerca di dare tutto se stesso costantemente. Quest’oggi però “girava male” e così non ha impressionato più di tanto, tranne nella circostanza in cui segna un bel goal a volo ben imbeccato dalla difesa con lancio di 20 metri. COMUNQUE PREZIOSO
– Fabio Lenders: voto 5.5. La prossima partita dovremo convincerlo ad arrotolarsi le maniche della maglietta, perché ogni volta che gli si fa sotto qualcuno, quel qualcuno rischia di rimbalzargli addosso come col suo alter-ego. Per il resto…beh…bordate impressionanti da tutte le posizioni. Passaggi non pervenuti. LO FERMI CHI PUO’!!!
– Fabio: voto 6,5. Nonostante il tocco di palla sia sensibile come quello di un ferro da stiro, è l’unico della squadra a non mollare mai e non risparmiare interventi, mantenendo all’inizio la posizione in difesa e poi cercando di spingersi in avanti quando oramai tutti cercavano il numero personale nello “scazzo” generale. Peccato per le continue critiche ricevute e le volte in cui è stato “non visto” dai compagni… GENEROSO, ALMENO LUI
– Orazio: voto 6,5. Solito baluardo difensivo, con una reattività che lo allontana di parecchio da chi incautamente lo apostrofa come “nonno”. Le sue entrate sono pulite ed efficaci e cerca anche di fare da regista quando ormai la barca sta affondando e gli altri stanno mollando gli ormeggi… Molto bello un goal su semipallonetto di sinistro che beffa uno sbadato portiere avversario. FAC TOTUM
– Martino Materazzi: voto 6. E’ aperto ufficialmente il referendum per fargli cambiare maglia, non gli si addice proprio. In questa partita trova l’occasione di brillare praticamente solo una volta, quando fa un bel tunnel semineutralizzato da Marco e da un angolo difficile trova un bel tiro all’incrocio del secondo palo. Per il resto solita corsa, ma lo si vede parecchio demotivato. Non aveva chi lo imbeccava e lo lanciava negli spazi… BRACCATO DALLA SUA SQUADRA
– Martino: voto 3. Totalmente inutile. Non si è visto praticamente mai e questa volta non ha fatto neanche sponda ai compagni. Costretto (non so come abbiano fatto…) ad arretrare in difesa, la palla non la vede neanche con uno stereoscopio . Pareva anche taciturno… MARTI’ DOVE SEI FINITO???

 

Tre???? secondo me meritavo di meno!!!forse giocare con enrico mi demoralizza… non ero in me, prometto che la prossima volta un cinque lo racimolo!!! 

11/2/2008ultima modifica: 2008-02-13T20:18:44+01:00da scarsoni
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “11/2/2008

  1. Buonasera a tutti,
    Mi infilo in questo blog per rilasciare le mie personali valutazioni sulla partita, come d’altronde ho sempre fatto in passato anche se all’insaputa dei più.
    Non nascondo che la consapevolezza che dovessero essere diffuse oltre la solita cerchia (Domenico, Antonio, Michele e in qualche caso anche Enzo) mi ha creato non pochi imbarazzi…Comunque ho fatto del mio meglio
    Ciao a tutti belli e brutti

    PARTITA 11/02/2008 TANGENZIALE DI BARI

    SALVATORES – MA CHI LI HA MESSI INSIEME 13 – 7

    SALVATORES

    ENZO: Mattatore indiscusso della serata, gioca una quantità spropositata di palloni creando il più delle volte patemi alla difesa letteralmente dal nulla. Non essendoci un solo difensore che può provare a contenerlo diventa devastante con le sue serpentine accompagnate da una visione di gioco che frutta occasioni da gol a raffica, e quasi suona come una bestemmia il fatto che abbia segnato una sola rete.
    Non bastandogli tutti i palloni che gioca, ne recupera una marea strappandoli direttamente dai piedi degli avversari o intercettandoli dal passaggio.
    VOTO : 7,5 STRARIPANTE

    DOMENICO: Dire che è il perfetto complemento del cognato sarebbe riduttivo e non renderebbe assolutamente giustizia alla sua prestazione. Se segna così tanto e in così tante maniere è evidente che ci mette del suo e anche di più. Partita da incorniciare la sua, spietato come non mai al tiro, il tutto guarnito con almeno un paio di segnature acrobatiche degne dei migliori goleadors.
    Dei suoi 10 minuti di (tentata) difesa meglio non parlare per non guastare la sua giornata di grazia.
    VOTO : 7,5 MITRAGLIATRICE

    ANTONIO: Partita di estrema diligenza tattica. Se la squadra non prende tanti gol è anche perché ha la certezza che sulla fascia destra c’è lui a far muro (difficilmente valicabile) e a sbattersi per recuperare palla. Ha la notevole dote del non pretendere palla in attacco, anche se quando gli arriva si dimostra fin troppo timido e altruista.
    Morivo dalla voglia di mettergli un 7 pieno, ma mi trovo quasi cinicamente a dover sottolineare un paio dei suoi soliti – fatali – errori in fase di impostazione con tanto di occhiataccia rimediata dai compagni.
    VOTO : 6,5 SOLDATINO

    EDOARDO: Sarà la scarsa condizione atletica, ma non risulta troppo coriaceo in difesa, non salta l’uomo nonostante la tecnica non malaccio, né stupisce con qualche passaggio illuminante o qualche giocata notevole. Ci mette comunque impegno e umiltà che purtroppo non sempre possono bastare.
    Il momento clou della sua partita è la parata – con palla bloccata al petto – sulla consueta fucilata di Fabio dovuta più che altro all’essersi trovato nel punto giusto al momento giusto (più per la squadra che per la sua salute – ndr).
    VOTO : 5,5 IMBALLATO

    SALVO: Continua la sua crociata contro i passaggi ai compagni nelle sue frequenti discese offensive, ma il suo destro al tritolo quando c’azzecca spezzerebbe le gambe a qualsiasi difesa e piegherebbe le mani a qualsiasi portiere.
    Nella sua metà campo si sbatte anche se gioca poco di anticipo sugli attaccanti, cosa che da centrale difensivo dovrebbe essere fatta con una certa frequenza.
    Ci regala un suo personalissimo Gronchi Rosa con il gol di piatto sotto l’incrocio nel finale del match.
    VOTO : 7 ARMA IMPROPRIA

    MARCO: Se ci fosse uno sconto sul prezzo del campo in base ai chilometri percorsi questa sera se ne sarebbe andato senza pagare una lira. Rincorre qualsiasi avversario e intercetta tanti palloni, anche se in attacco fatica a proporsi nei modi e nei tempi giusti. Di saltare l’uomo non se ne parla e non dà propriamente del “tu” alla palla (me lo dico da solo così non si incazza nessuno!Peccato possano capirla in pochi…- ndr), tant’è che quel sinistro da lontano che si stampa sul palo suona più di casuale che altro, ma al momento giusto sfodera passaggi smarcanti che neanche lui si aspetta di poter fare.
    VOTO: 7- POLMONE (non in senso barese eh!)

    MA CHI LI HA MESSI INSIEME

    ORAZIO: Per citare un noto attore in un altrettanto noto film di un ventennio fa, tante “chiacchiere” (anche se non sempre a sproposito), poco “distintivo” (o concretezza, come dir si voglia). Complice anche la confusione regnante nella sua squadra, non si capisce che posizione ricopra in mezzo al campo: se vuole costruire in attacco o vuole difendere. Per di più, molto spesso nel portar palla avanti dalla difesa pensa bene di farsela rubare esponendo così la sua squadra a contrattacchi letali.
    Gran bel gol con sinistro all’incrocio da fuori area.
    VOTO : 5,5 PUNTO INTERROGATIVO

    ENRICO: Volenteroso come sempre ma stavolta manca di lucidità: si vede lontano un miglio che vuole fare tante cose ma come cantava Jovanotti “gliene è riuscita mezza” forse perché non ha ricoperto il suo solito ruolo. Stranamente anche un po’ egoista, e quando cerca i compagni non lo fa con la solita precisione e avvedutezza.
    Buono e prezioso come sempre l’apporto che dà in difesa, si spegne progressivamente nel finale.
    VOTO: 5,5 ANNEBBIATO

    FABIO: Compagno di crociate anti-passaggio di Salvo, le sue staffilate spaccapolpacci da distanze siderali non sortiscono però gli stessi effetti di quelle del suo avversario (soprattutto in proporzione ai numerosi tentativi fatti).
    Rallenta e a volte blocca completamente la manovra offensiva della sua squadra, mentre in difesa mette il corpaccione davanti all’attaccante solo quando se lo ricorda. Soffre le condizioni strepitose di Enzo e fa sorgere un quesito: dov’era quando Domenico castigava la difesa tirando indisturbato da fuori area?
    VOTO: 5 ZAVORRA

    MARTINO Materazzi: Sicuramente il più pimpante e produttivo dei suoi. Per tutta la partita si ha l’impressione che girino per il campo 1-2 suoi cloni: un attimo prima è a creare scompiglio alla difesa con i suoi imprevedibili cambi di direzione, subito dopo è a coprire sulla fascia per poi ripartire. Difende bene la palla, ed è il vero, unico pericolo costante per Domenico&Co.
    Anche lui se avesse servito un po’ meglio i compagni il gioco della sua squadra ne avrebbe indubbiamente tratto giovamento.
    VOTO: 6,5 ANIMA E CORE

    MARTINO: Del Martino di cui sopra ha solo il nome. È dall’altra sera che sto cercando di farmi venire in mente qualcosa che ha fatto (meglio non ricordare i 2-3 tiri messi fuori da posizione favorevolissima).
    Almeno pressasse in maniera un po’ più credibile per provare a infastidire chi imposta…
    Detto in amicizia, almeno ci ha risparmiato la sua consueta veste di arbitro e telecronista.
    VOTO: 4 MAH!?

    ING. DEBELLIS: Vittima di un clamoroso boicottaggio da parte dei compagni, non viene servito neanche se completamente libero e (potenzialmente) felice. Un paio di volte decide di fare di testa sua e peraltro non gli va neanche malissimo (un palo e un tiro di poco alto dopo una bella discesa dalla sinistra), ma viene immediatamente redarguito dagli altri.
    Visti i piedi tutt’altro che vellutati e col fisico che ha dovrebbe fare della difesa il suo punto forte, ma troppo spesso si fa sorprendere dalle verticalizzazioni soprattutto quelle targate Enzo-Domenico.
    VOTO 5+ FRASTORNATO

  2. Bellissime pagelle ragazzi!!Grazie perchè riuscite a dare quel qualcosa in più ad un asemplice partita del lunedì! Questo perchè siete davvero attenti a ciò che fa la squadra e nn solo a ciò che fate voi! VOTO:10 ALTRUISTI!

  3. Grazie Enrico. Troppo gentile. Mi diverto a giocare con voi e mi piacerebbe anche che la cosa non finisse su un campetto. Quindi far le “pagelle” è un passatempo più che piacevole… l’importante, a scansco di equivoci, è che non siano prese come “giudizi supremi” ma semplici punti di vista per farci due risate tra noi.

    Però se commenta anche qualcun altro sarebbe ancora meglio ;)) FATEVI SOTTO BOYS!!! E se ci sono GIRLS…beh…meglio ancora no???

  4. Grazie Enrico. Troppo gentile. Mi diverto a giocare con voi e mi piacerebbe anche che la cosa non finisse su un campetto. Quindi far le “pagelle” è un passatempo più che piacevole… l’importante, a scansco di equivoci, è che non siano prese come “giudizi supremi” ma semplici punti di vista per farci due risate tra noi.

    Però se commenta anche qualcun altro sarebbe ancora meglio ;)) FATEVI SOTTO BOYS!!! E se ci sono GIRLS…beh…meglio ancora no???

I commenti sono chiusi.